}

giovedì 8 dicembre 2016

Da "Il ragazzo della mia peggior nemica"



Non riuscivo a prendere sonno quella sera. Avrei dovuto riposarmi, visto che il giorno seguente sarebbe stato sicuramente faticoso e impegnativo, ma la mia mente era altrove, più precisamente era invasa da pensieri che riguardavano Zac.
Che razza di scherzo mi aveva fatto il destino? Era già stata una beffa ritrovarmi a vivere di fronte a Christine, ma prendermi una cotta per il suo ragazzo era inaccettabile. Il fatto che non gli ero indifferente, poi, complicava ancora di più la situazione. Il modo in cui mi guardava mi faceva impazzire. Fra noi era scattata una connessione istantanea che non riuscivo proprio a spiegarmi. Me lo dovevo togliere dalla testa, era l’unica cosa ragionevole da fare.

Nessun commento:

Posta un commento