}

domenica 26 febbraio 2012

Meravigliosa questa poesia di William Butler Yeats:


I cigni selvatici a Coole
Gli alberi sono nella loro bellezza autunnale,
i sentieri del bosco sono asciutti,
nel crepuscolo di ottobre l'acqua
riflette un cielo immobile;
sull'acqua fra le pietre
ci sono cinquantanove cigni.

È questo il diciannovesimo autunno
da quando la prima volta li contai;
li vidi, prima che finissi il conto,
tutti all'improvviso alzarsi
e disperdersi volteggiando in grandi cerchi spezzati
sulle ali rumorose.

Ammirai quelle splendenti creature
e ora il mio cuore è triste.
Tutto è cambiato da quando io,
ascoltando al crepuscolo
la prima volta, su questa riva,
lo scampagnio delle loro ali sopra il mio capo,
camminavo con passo più leggero.

Instancabili, amata e amante,
remano nelle fredde
correnti amiche o scalano l'aria;
i loro cuori non sono invecchiati;
passione o conquista ancora li accompagna
nel loro errante vagare.

Ma ora si lasciano andare sull'acqua immobile,
misteriosi, stupendi.
Fra quali giunchi costruiranno il nido,
su quale sponda di lago o stagno
incanteranno occhi umani quando al risveglio
un giorno scoprirò che son volati via?

mercoledì 22 febbraio 2012

Da "Un inverno a Klamath Falls":

La notte avevo sognato Mike, i suoi occhi, più precisamente. Erano sempre fissi nella mia mente; emanavano una luce che illuminava tutto quello che fino a ieri era buio. Tutto aveva un colore nuovo, il mondo aveva un suo senso in quel momento e, per me, prima non l’aveva mai avuto.

sabato 18 febbraio 2012

Non pretendo di salvarmi dalle fiamme, spero però di poterle percorrere con te.

giovedì 16 febbraio 2012

Da "Un inverno a Klamath Falls":

Trascorremmo il resto del pomeriggio ad ascoltare musica, a parlare dei nostri libri e film preferiti, di tutto quello che ci piaceva e delle cose che avremmo voluto fare insieme. Parlare con lui era semplice, ci capivamo perfettamente. Il modo in cui mi guardava mentre mi ascoltava, come se ogni cosa che dicessi fosse per lui di vitale importanza, mi sorprendeva. Sentivo che nessuno mi aveva mai prestato tanta attenzione.
In quel momento mi resi conto che ero innamorata. Perdutamente innamorata.

http://www.webster.it/libri-inverno_klamath_falls_giaccioli_silvia-9788863542837.htm
Comprali insieme: chi compra Un inverno a Klamath Falls acquista anche La coguara urbana di L. Sciolla http://www.webster.it/libri-inverno_klamath_falls_giaccioli_silvia-9788863542837.htm

sabato 11 febbraio 2012

https://www.facebook.com/pages/Un-inverno-a-Klamath-Falls/106012259519430
BUSSANDO ALLA PORTA DEL PARADISO
(Bob Dylan)


Mamma, strappami di dosso questo distintivo
Non posso usarlo più
Sta diventando buio
Troppo buio per vedere
Mi fa sentire come
Se stessi bussando alla porta del paradiso
Bussando alla porta del paradiso
Bussando alla porta del paradiso.....


Mamma, seppellisci le mie pistole
Non posso più sparare a loro
Quella lunga nuvola nera sta venendo giù
Mi fa sentire come
Se stessi bussando alla porta del paradiso
Bussando alla porta del paradiso
Bussando alla porta del paradiso.....

Ecco un grande Poeta:
http://www.youtube.com/watch?v=5_swaxOidGU
E la neve ci accompagna...

sabato 4 febbraio 2012

Noi tre,
nessun tormento ad accompagnarci.
Il profumo dell'erba,
una dolce carezza,
uno sguardo felice.
Tiepida primavera,
acqua che scorre,
giocosi rumori.
Pace nell'anima;
noi tre
e la purezza che siamo.